Effetto "Polaroid" con GIMP

Immagine di partenza

L'effetto mira a riprodurre il caratteristico aspetto delle fotografie a sviluppo immediato Polaroid, con la loro forma quadrata e le caratteristiche dominanti di colore.

Risultato finale

E' ottenuto in modo semplice con l'applicazione di pochi filtri.

Il programma utilizzato è il sempre valido, e gratuito, GIMP. Il procedimento comunque non differisce di molto utilizzando altri programmi di fotoritocco (Photoshop o simili).

Passo 1: Taglio quadrato

Taglio quadrato

Il primo passo consiste nel ritagliare l'immagine in forma quadrata con lo strumento taglierina. In GIMP è possible, per maggiore comodità, impostare direttamente il rapporto 1:1 nel pannello delle caratteristiche dello strumento.

Passo 2: Dominanti di colore

Modifica della curva del rosso

Aprire il pannello Color->Curves e modificare gli estremi della curva del canale rosso come in figura 4 (alzare il minimo ed abbassare il massimo). In questo modo si diminuisce il contrasto del canale rosso donando all'immagine un tipo di dominante caratteristica, variabile tra ombre (più rosse) ed alte luci (più verdi).

Immagine dopo la modifica del canale rosso

Dopo aver inserito la dominante principale è possibile ottimizzare ulteriormente l'immagine modificando luminosità e contrasto oppure ritoccando i livelli. Le immagini a sviluppo immediato erano infatti caratterizzate da una ampia variabilità dei risultati, in funzione ad esempio della temperatura ambiente o dell'illuminazione durante lo sviluppo.

Nel caso in cui l'immagine di partenza sia stata scattata in interni andrà inserita inotre la dominante caratteristica del tipo di illuminazione (verde per il neon o rossa per le luci ad incandescenza) utilizzando lo strumento di bilanciamento colore.

Passo 3: Vignettatura

Creazione di un nuovo layer

Per aggiungere una vignettatura (differenza di luminosià tra centro e bordo dell'immagine) creare un nuovo layer trasparente sopra al livello principale dell'immagine.

Sfumatura di esempio sul livello di vignettatura

Utilizzando lo strumento sfumatura (blend) selezionare il nuovo layer e riempirlo con una sfumatura radiale a partire dal bordo verso il centro

Dopo aver impostato la modalità "overlay" per il nuovo layer è possibile verificare il risultato della vignettatura sull'immagine finale ed eventualmente correggere i parametri della sfumatura (offset, opacità e direzione del tratto). Al termine unire i due layer (Merge down).

Passo 4: Bordo


Filtro di aggiunta del bordo

Per aumentare la verosimigliana va aggiunto uno spesso bordo bianco (filter->decor->add border). Per una immagine di ~3000px utilizziamo uno spessore di ~100px. Il bordo deve essere aggiunto in questa fase, e non alla fine, in modo che venga ammorbidito dai passaggi successivi.

Passo 5: dettaglio e grana


Pannello del filtro "grana"

In funzione dell'incisione dell'immagine di partenza può essere necessario indebolire il livello di dettaglio tramite una sfumatura gaussiana (filter-> blur-> gaussian blur) impostata, per una risoluzione di ~3000px, a 5x5px. La sfumatura deve essere aggiunta obbligatoriamente prima dell'effetto grana (passo successivo) per evitare che vada ad indeboilire quest'ultimo.


Dettaglio prima dell'applicazione dell'effetto grana
Dettaglio successivo all'applicazione dell'effetto grana

Anche se in effetti le Polaroid erano caratterizzate da una grana molto fine per aumentare la verosimiglianza del dettaglio è opportuno inserire un effetto grana (filter->generic->filmgrain). Le impostazioni di default dovrebbero andare bene.

L'ultimo passo consiste nella fusione dei layer ("Merge down" oppure "Flatten Image") e nel salvataggio come jpg.


mlph.altervista.org - (c)2012 Matteo Lucarelli

LASCIA UN COMMENTO
Nome:
Inserisci il codice di sicurezza visualizzato